Visualizzazioni totali

venerdì 2 marzo 2012

Pensieri in libertà corrono sul web



L'altra sera, nel mio mondo di amici virtuali, la mia vera amica Manu mi ha invitata 
a far parte di un gruppo molto particolare.
Lascio che siano loro stessi a presentarsi:

"Noi la pensiamo così (Pensieri liberi dei giovani del terzo millennio)
Questo gruppo ha lo scopo di fare esprimere liberamente i giovani di Facebook (che condivideranno) su qualsiasi tematica: pensieri, citazioni originali (e non copiate), riflessioni e/o critiche verso il mondo che li circonda. Fisicamente saranno esposti dei Dazibao (Tazebao), murales presso lo studio Odontoiatrico del Dott. Francesco Davì sui quali si potranno scrivere i propri pensieri e dai quali si trarrà il materiale che costituirà un libro virtuale che sarà messo online gratuitamente.
Chi non potrà materialmente accedere ai murales, potrà postare sulla bacheca del gruppo. Tutti i post saranno trascritti a mano sul wall. Ci si augura di poter fare nel prossimo futuro una mostra di tutte le scritte e di certo un e-book online.
Forza ragazzi"

L'ho trovato creativo e divertente (grazie per avermi annoverata tra i giovani!!)
Se volete unirvi al gruppo aperto e dire la vostra, cliccate 
sulla foto e sarete indirizzati alla pagina!


giovedì 1 marzo 2012

Sconti di primavera

In trepida attesa della primavera, dopo tanto freddo e tanta neve,
faccio anche io i "saldi". Approfittate dello sconto del 30% su tutti
i libri che sto vendendo su comprovendolibri.it
Cliccando sull'immagine sarete indirizzati al catalogo.
Vi aspetto!




mercoledì 29 febbraio 2012

Un libro, un film

Purtroppo, non sempre i film tratti da libri rendono giustizia all'originale.
Tuttavia, alcune trasposizioni cinematografiche riescono a rievocare 
le atmosfere e le emozioni provate durante la lettura.
Questa è una versione di Orgoglio e Pregiudizio che mi è molto piaciuta, 
con un Colin Firth/Mr Darcy credibile al punto giusto.






Anche il film del 2005 diretto da Joe Wright è una prova ben riuscita, 
con una Keira Knightley/Elizabeth Bennet quasi perfetta.



A questo link, potrete vedere e confrontare la dichiarazione di Darcy:



martedì 28 febbraio 2012

La polvere magica

Oggi è il giorno del racconto.
Vi dedico queste righe perchè ognuno di noi
ha la sua polvere magica che lo fa sognare e volare sulle ali dei draghi. 





Lo strano marchingegno che il papà aveva portato dal suo ultimo viaggio era la cosa più speciale che Demis avesse mai visto. Sembrava un quadro, ma non lo era. Racchiudeva dentro la cornice di legno tutte le sfumature di blu, dall'azzurro puro come il cielo di primavera al cobalto dei mari più profondi. Se lo giravi, lentamente si scioglieva in una pioggia celeste, formando i disegni più strani del mondo. Una volta era una nuvola impalpabile, un'altra un deserto sconfinato. Un giorno gli parve addirittura che prendesse la forma di un drago.

La strana magia del quadro fatto di polvere azzurra occupava il primo posto nei pensieri di Demis, sicuro che al mondo non ci fosse nulla di più bello. Almeno una volta al giorno, lo girava ed ecco che davanti ai suoi occhi si spalancavano mondi sconosciuti, fatti di mare e di cielo, di strane creature e buffe colline. Restava così, incantato, ad aspettare che tutto il quadro scivolasse giù per girarlo di nuovo e scoprire quale altro misterioso disegno potesse rivelargli.

Un giorno, inavvertitamente, spolverando la libreria sulla quale era poggiato il quadro, la mamma lo fece cadere. Fu una tempesta azzurra, che si depositò sul pavimento come neve.

Quando Demis tornò da scuola, la tragedia era compiuta. La mamma aveva raccolto la polvere magica in un barattolino, ma ormai il quadro era distrutto e con esso centinaia di mondi fantastici che non avrebbe potuto mai esplorare. Demis pianse, e qualche giorno dopo il papà tornò a casa con un nuovo quadro magico, verde come i boschi d'estate. Ma non fu la stessa cosa.

Demis conservò il piccolo barattolo azzurro come un cimelio e ancora oggi, sulla sua scrivania di affermato professionista, un pugno di polvere magica rapisce ogni tanto i suoi pensieri, portandolo a sorvolare qualche mondo misterioso sulle ali di un drago azzurro.



Licenza Creative Commons
La polvere magica by Molly Greenhouse/Monica Serra is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

lunedì 27 febbraio 2012

Incipit



Oggi ho deciso di inaugurare un nuovo "angolo" di questo blog.
Ogni lunedì, potrete leggere l'incipit di un libro che fa parte della biblioteca della mia vita.
Il primo incipit che vi propongo appartiene a un romanzo che ha segnato la mia infanzia, gettandomi di forza in un mondo avventuroso di pirati e tesori, che ancora oggi 
mi affascina e mi fa sognare.





Il signor Trelawney, il dottor Livesey e gli altri gentiluomini mi hanno chiesto di mettere per iscritto tutti i dettagli riguardanti l'Isola del Tesoro, dal primo all'ultimo, senza omettere nulla salvo la posizione dell'isola, e questo solo perché una parte del tesoro non è stata ancora portata alla luce. Perciò nell'anno di grazia 17... prendo in mano la penna e torno al tempo in cui mio padre gestiva la locanda dell'"Ammiraglio Benbow" e al giorno in cui il vecchio uomo di mare, abbronzato e sfregiato da una sciabolata, prese per la prima volta alloggio sotto il nostro tetto.

[Robert Louis Stevenson, L'isola del tesoro, 1883, traduzione di Richard Ambrosini, Garzanti, 2000]


domenica 26 febbraio 2012





Vorrei, un giorno, poter fare solo questo, cioè scrivere, sulla riva di un lago, di fronte al mare, in mezzo ai boschi, seduta al tavolino nel bar di una grande città ...
Un bel sogno, ma vale la pena viverlo e in proposito ho una citazione:

"Qualunque cosa tu possa fare, qualunque sogno tu possa sognare,
comincia.
L'audacia reca in sè genialità, magia e forza.
Comincia ora."

Johann Wolfgang Goethe

Buona domenica a tutti coloro che inseguono i propri sogni!